Benvenuti nel mio minimondo creativo...qui potrete vedere le foto di ciò che amo fare nel tempo libero, mi piace creare bijoux, ricamare, dipingere su ceramica/porcellana e altro..... qui troverete, come dico appunto nell'intestazione del mio blog, di tutto un ...po'

Di tutto un po'.....e poesia in dialetto meneghino lombardo

domenica 23 dicembre 2018

Il tempo è sempre poco ma non potevo non trovare un momento per un saluto ed un Augurio speciale 

Voglio augurare
 Buon Natale con tutto il cuore
 a tutti voi che mi seguite e ai vostri cari!





che ne dite...non è carina?
 a me piace da impazzire





non conoscevo questa tecnica (wire)
 ma quando mi son trovata in mano questi meravigliosi pezzi di ametista, 
ho voluto provare a realizzare qualcosa
 così ho provato ad ingabbiarli con filo d'argento 0,40
Come primo esperimento mi accontento, 
che ne dite?




se vi va potrete leggere una poesia scritta da mio marito per l'occasione, sul Natale d'una volta. E' in dialetto milanese/lombardo con traduzione, penso possa piacervi e ricordarvi anche tempi che non ci sono più, voglio precisare che, come penso sappiate, i dialetti cambiano parecchio anche da un paese all'altro, anche se vicini, addirittura anche a Milano, soprattutto una volta si notava la differenza in alcuni modi di dire da Porta Ticinese a Porta Romana, quindi le "a" molto aperte del mio paese, sono spesso le e, spero che la poesia sia comprensibile e vi piaccia e susciti magari qualche emozione in chi come me non è più giovincella ..... e come scritto sopra per chi il milanese/lombardo non lo capisce c'è anche la traduzione.....


Il Natale d’una volta!

Natale, una festa per tutti
è il giorno che è nato il Signore
è il giorno che si sta' tutti insieme
e soprattutto per i più piccini
è il giorno dei regali
portati da Gesù Bambino.

Il Natale si aspetta sempre
con emozione e curiosità,
ma non come una volta
nei tempi passati,
ormai "è festa"  tutti giorni
non ci manca niente, c’è sempre
qualche cosa da mangiare,
cosa dobbiamo chiedere in regalo
che non ci manca niente!
mi pare che soprattutto manchi l’atmosfera, quel momento magico
che ti faceva fantasticare
sui regali che volevi, non certo
costosi, poveri, ma bramati.

La voglia della sorpresa
che non ti aspetti, sotto le coperte
ad aspettare "la piva" che passerà
e la mattina, svegli presto e giù
dalla scala di legno per vedere
cosa ti era arrivato, con il viso
sorridente e meravigliato.


Due cioccolatini, un mandarino
una manciata di caramelle, quattro
castagne e magari come a me,
la tombola che mi avevano regalato l’anno prima, un regalo
che dopo due giorni, era sparito.
per ripresentarsi, era normale
al prossimo Natale.
Adesso come regalo, c’è di tutto
ma con il cuore si potrebbe chiedere,  pace, benessere,
salute, gioia e lavoro, tutte
cose che vengono dalla carità  e dalla buona volontà e che con i soldi non si possono comprare.

Giancarlo Tarantola


Al Natal d’una veulta!

Natal, una fästa par tücc
l’è al dì che gh'è nasù al Signùr
al di che sa stà tücc insäma
e supratut par i pusè piculin
l’è al dì di regaj
purtà da Gesù Bambin.

Al Natal al sa speta sempar
cun emusion e cun curiusità,
ma nò cume una veulta
in di temp pasà,
c’la fästa chì la gh’è tücc i dì,
na manca nient gh’è sempar
un quaj cos da mätt suta i dent,
cusa g'hamm da dumandà da regall
che na manca nient!
ma par, che supratutt manca l’atmusfera,
cal mument magic, che ta faseva fantasticà
sui regaj che ta vurevat,
non ciart custus, povar, ma bramà.

La veuia d’la surpresa
che ta sa speta nò, cucc in dal lett
ad aspetà la "piva"che la deva pasà
e la matina, sveli präst, cur giù
d’la scala da lägn par vedè
cusa al t’aveva purtà,
cun la facia surident e meraviglià.


Dü ciculatin, un mandarin,
una brancada da caramaj,
quatar castägn e magari cume mi,
la tumbula che m’avevan regalà
l’ann prima, un regal,
che dopu dü dì, l’era sparì,
par ripresentas, l'era nurmal
al prossim Natal.
Adäss cume regall gh’è tutt coss,
ma cun al cheur sa pudaria dumandà,
pass, benasar, salut, gioia e laurà
tücc robb che vegnan d’la carità
e d’la buna vuluntà e che cui danè
sa peu nò cumprà.

                 Giancarlo Tarantola                                                         

Sperando che la poesia vi sia piaciuta, 
vi saluto con affetto, augurandovi possiate passare delle feste 
serene e piene di gioia, con i vostri cari!

nonna Laura "Tesselleelle"