Benvenuti nel mio minimondo creativo...qui potrete vedere le foto di ciò che amo fare nel tempo libero, mi piace creare bijoux, ricamare, dipingere su ceramica/porcellana e altro..... qui troverete, come dico appunto nell'intestazione del mio blog, di tutto un ...po'

Poesia e....

venerdì 16 maggio 2014

Oggi vi propongo questa poesia che a me piace molto...fa parte di una raccolta di poesie scritte da mio marito e riguardanti i tempi andati...è in dialetto milanese/lombardo, con le A molto aperte (tipiche del luogo) e che spesso sostituiscono le E ......questa è la solita premessa per aiutarvi nella comprensione, anche se ovviamente c'è sempre la solita traduzione in italiano.


Ho pensato di inserire questa immagine di ochette realizzate in pasta di sale, le ho fatte una decina di anni fa....giusto per rimanere in tema


I ôcc


In paess, tücc in primavera,
tuevan al mercà
i ôcc da ingrasà.

Eran bäi sofic, e picinin,
e nüm ultim fieu d’la cà
gà davum al nom cume
un cagnulin.

Diventavan gross e bäi
e se un quai dispätt ta ga’ faseva
una quai becada ta ciapeva.

La cà l’era piculina,
nüm, in famiglia serumm in tanti,
però pudevumm no lasai feura,
alura numm acôrt,
i’a metevumm, tra la porta e l’antiport,
insci fasevan da guardia a tücc
se un quai ladar al tucava l’üsc.

Quand mi turnavi a cà tardi,
dervivi la porta pian,
par non fam sentì,
ma lûrr eran lì………
caciavan una vusada
e la me mama da sûra
tuta agitada:
“ Pedar gh'è i ladar……
numm g’amm nient da rubà…o pôcc,
però se vusann, en drè purtag via i ôcc!”

E mi la rassicuravi:
“ sum mi! peudi nanca
vegnì a cà sensa famm sentì? ”.

Ma la tragedia l’arivava quand l’era Natal,
e i ôcc sparivan par presentass
peau, suta furma
da aròst o caseula
e ai piculinn gà disevann:
“en vulà via,
eran tropp gross,
e gà stavan tücc a stort,
tra la porta e l’antiport”.

Tarantola Giancarlo

Le oche


In paese, tutti in primavera
compravano al mercato le oche da ingrassare.

Erano belle soffici e piccoline,
e noi ultimi figli della casa,
gli davamo il nome come un cagnolino.

Diventavano grosse e belle
e se gli facevi qualche dispetto
ti prendevi qualche beccata.

La casa era piccolina,
noi in famiglia eravamo in tanti,
però non potevamo lasciarle fuori,
allora noi accorti,
le mettevamo, tra la porta e l’antiporta,
così facevano di guardia a tutto
se qualche ladro toccava l’uscio.

Quando io tornavo a casa tardi,
aprivo la porta piano,
per non farmi sentire,
ma loro erano lì……….
e gridavano a più non posso
e la mia mamma di sopra tutta agitata diceva:
“Pietro ci sono i ladri
noi non abbiamo niente da rubare. …o poco,
però se gridano, ci stanno rubando le oche!”

E io la rassicuravo:
“sono io! non posso neanche
venire a casa senza farmi sentire?”

Ma la tragedia arrivava quando era Natale
e le oche sparivano per presentarsi poi,sotto forma
di arrosto o casseula
e ai bambini dicevano:
“sono volate via, erano troppo grosse,
e stavano tutte storte,
tra la porta e l’antiporta”.


ora, qualche bijoux, fatto con le mitiche capsule di George:
una collana....
 orecchini...
lasciandomi ispirare da George....altri orecchini
una micetta con calamita per frigo, lo schema è della bravissima Miranda
 
la mia collezione di gatti di ogni genere ....
un simpatico gatto che ci ha adottato........è quasi sempre qui  
ci scruta dall'alto
e per finire.... un cupecake che non fa ingrassare, sempre con magnete per il frigo di mia figlia

.......sperando di non avervi annoiato, vi auguro un
Buon fine settimana!




42 commenti:

  1. Ciao Laura
    è passato anche da te George??..proprio carinissimi i tuoi bijox-Georgiani.
    La Poesia di tuo marito bellissimo spaccato di vita passata..
    poi tutto quello che ci hai proposto ci fa sentire a casa..grazie
    un abbraccio
    Rly 64

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, che belle parole, mi fa piacere tu ti senta a casa è proprio quello che voglio!!!
      Approposito di George, si ogni tanto viene anche da me...solo piccole capatine però....qui da me si dice putost che nient putost (piuttosto che niente piuttosto)

      Un bacione cara Elisabetta e una buona serata

      Elimina
  2. Siete una famiglia di ARTISITI!!!!!Bella e simpaticissima la poesia di tuo marito che io ho letto nel dialetto anche se con qualche parola diversa da quello che parlo io.Complimentissimi !!!!!
    E poi che dire di tutto il resto?
    Quella targhetta con le ochette è fantastica come il micione ( vero e finto) ,come la tua raccolta e le tue piante grasse e.....a quanto vedo George ti ha ispirata alla grande.
    Come sempre è sempre un piacere passare da te.
    Un bacione per un buon fine settimana...ciaooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pinuccia,
      non ci lamentiamo, siamo una famiglia di artisti de noantri hi hi hi!!!
      Hai ragione sul dialetto anche se siamo in provincia di Milano tutt'e due c'è proprio molta differenza....persino a Milano adesso lo parlano in pochi ma una volta chi lo parlava diceva che c'era differenza negli accenti o altro persino tra i vari rioni... il nostro l'è spetascià e molto arioso.
      Grazie per le tue parole Pinuccia, un bacione e un buon fine settimana anche da me

      Elimina
  3. Le tue creazioni non possono annoiare, sono sempre belle e varie!
    E la poesia ha il sapore dei ricordi!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeee Sabri!

      Buon sabato e domenica,
      Laura

      Elimina
  4. Ma tuo marito è troppo forte!! Mi diverto un mondo a leggere le sue poesie, è bravissimo!! E tu non sei da meno! Vai con la George mania!!!! ;)
    Bacio e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si Betty, non vorrei peccare di presunzione, ma mio marito è più unico che raro! quando andiamo per gite o viaggetti vari sa stare veramente in compagnia con tutte le sue risorse.
      George? stavolta ha fatto proprio una comparsa mordi e fuggi...comunque lo perdono.
      Bacioni anche da me e buon sabato e domenica

      Elimina
  5. Povere ochette!!! Bella la poesia in entrambe le versioni e le tue ochette sono molto carine. Sai che mi sono lasciata tentare pure io da George? Un bacione e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo!
      Beh George è una fonte d'ispirazione unica, hai fatto bene a lasciarti tentare è così gentile, pensa che mi voleva invitare li al lago vicino a casa tua, ma io ero molto presa..... però l'ho ringraziato tanto hi hi hi

      Buon sabato e domenica

      Elimina
  6. Complimenti, il tuo blog è davvero creativo ed originale!!!
    Ciao.
    Una tua nuova follower!!
    Gabriella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mi fa molto piacere!...poi passo da te...

      Buona serata, Laura

      Elimina
  7. Oh Laura...questa poesia sarà letta domenica sera..
    ci si ritrova come sempre in famiglia e devo farla leggere a mio suocero.. che di dialetto se ne intende.
    E perle creazione.. troppo belle. Adoro gli orecchini..
    Buon fine settimana artisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mi fa molto piacere Mary....letta con l'enfasi giusta vedrai piacerà molto.......

      Buon fine settimana anche a voi omologhi cari

      Elimina
  8. Ma che bella carrellata, c'è da perderci gli occhi! Bravissima, hai grande creatività e mani magiche!

    RispondiElimina
  9. Ciao Laura, le poesie di tuo marito mi piacciono sempre tanto... troppo forti!
    Le tue creazioni con le capsule del caffè sono bellissime anche loro; io non ne ho mai fatte.... dev'essere un lavoro certosino!
    E che dire della tua collezione di gatti e del gattone che si è fatto adottare da voi? Bellissimi! =)
    Buon fine settimana.
    Dani

    RispondiElimina
  10. Grazie cara!

    E' vero Dani, non ti ho mai visto usare le capsule nespresso.....comunque non è per niente un lavoro certosino e son sicura che nelle tue mani fiorirebbero in maniera strepitosa se vuoi ti mando George per qualche consiglio...

    Un buon fine settimana, Laura

    RispondiElimina
  11. laura la poesia e bellissima ma le oche in pasta di sale stupende!complimenti per tutti i tuoi bellissimi lavori e quel gattone che bello!ti auguro un buon sabato simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Simona, per la pasta di sale, detto da un'esperta come te è un graditissimo complimento, certo la pasta di mais è più compatta e il risultato è migliore.....

      Un bacione, Laura

      Elimina
  12. Cara Laura, ti lacio i miei complimenti, sei bravissima in tutto!!!
    Ciao e buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Tomaso, sono appena stata sul tuo blog sempre così interessante e accattivante!

      Ti auguro un buon fine settimana insieme alla tua dolce metà.......dopo tanto girare vi auguro buon riposo!
      Laura

      Elimina
  13. bellissima la poesia e le creazioni,ma quello che mi ha colpito di più è la collezione gattosa!^_^
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si Lucia, mi son sempre piaciuti i gatti e ad un certo punto ho deciso di collezionarne un po' anche di non veri...ne ho in ceramica, porcellana, legno , vetro, marmo, cristallo sw, sasso, argento, bronzo ecc.

      Un bacione, spero tu sia in forma Lu

      Elimina
  14. Lasci sempre a bocca aperta, uno più bello dell'altro e tanta poesia! Che bello Laura, sei bravissima! Grazie. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra cara! sei sempre gentile...
      Un bacione

      Elimina
  15. ciao
    tutto bello. Mi piace molto la tua collezione di mici ma il micio più bello è quello vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roby, e lo so è un bel micione che gli piace stare qui...

      Un bacione, Laura

      Elimina
  16. Hello dear Laura;Tha geese you made of salt dough look beautiful.Your jewelleries,cactus flower and cat collection are wonderful.Kisses.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hacer!!! son contenta ti sia piaciuto tutto!

      Buon pomeriggio,
      Laura

      Elimina
  17. Buona domenica! Un saluto e continua a bere ed offrire caffè :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica anche a te cara Simo...no le capsule me le da mia figlia io ho la macchina ma quelle di un'altra marca e non si può far niente con quelle sono di plastica...magari qualcuno inventa qualcosa anche con quelle io ci ho pensato ma non mi è venuto in mente nulla dovremmo chiedere a Daniela di "decoriciclo" è così brava che magari lei riesce.
      Bacioni, Simo

      Elimina
  18. Laura sei sorprendente e piena di creatività!!
    La poesia e le creazioni sono bellissime,anche i gattini!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero Maria!..... ogni tanto mi piace inserire qualche poesia di mio marito che riguardano i tempi andati.

      Un abbraccio anche da me,
      Laura

      Elimina
  19. Preciosa la poesía como tus creaciones son todas maravillosas!!!
    Un abrazo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias por todo Ali cia, me alegro de que haya sido capaz de apreciar la poesía, son las cosas que pasaron hace mucho tiempo.

      Un beso grande, Laura

      Elimina
  20. ma quante belle cose! la poesia è davvero stupenda e il cupcake ha rapito il mio cuore, me lo farò fare simile dalla mia mamma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! vedrai la tua mamma te lo farà volentieri il cupcake, non è difficile...

      Un bacione, Laura

      Elimina
  21. Ciao,
    bella la poesia :-)
    Poi mi piacciono gli orecchini e il micetto di pannolenci bianco.
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, son contenta ti siano piaciuti!

      Un bacione,
      Laura

      Elimina
  22. Ma quanto sono belle quelle oche in pasta di sale!! E complimenti per tutto il resto. Baci, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, scusa se rispondo solo ora ...mi era sfuggito questo commento.
      Baciotti, Laura

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, sono molto graditi, risponderò volentieri a tutti!
I commenti anonimi non firmati saranno eliminati. PLEASE, NO SPAM!