Benvenuti nel mio minimondo creativo...qui potrete vedere le foto di ciò che amo fare nel tempo libero, mi piace creare bijoux, ricamare, dipingere su ceramica/porcellana e altro..... qui troverete, come dico appunto nell'intestazione del mio blog, di tutto un ...po'

Grazie per l'idea Sofia!

domenica 2 febbraio 2014

Grazie per l'idea Sofia! oggi leggendo il tuo bel post dedicato a San Biagio (che è domani) mi hai fatto venire in mente che due anni fa mio marito ha scritto per un giornale locale, una poesia in dialetto con traduzione dedicata proprio al Santo protettore della gola, quindi mi farebbe piacere proporla.
Faccio la solita breve premessa riguardo le poesie scritte in dialetto milanese/lombardo, anche se chi conosce il milanese la capirà, noterà comunque delle differenze......nel caso del dialetto locale del mio paese le a sono molto aperte e spesso coincidono con delle e.......questa poesia racconta in maniera vera e per certi versi pittoresca quel che accadeva nei giorni legati a questa usanza.........certo in italiano perderà un po' però se la leggerete mi farà piacere e apprezzerò anche il vostro parere qualunque sia!


San Bias 2012

L’è una tradision,
par San Bias, benedì la gula e al paneton,
l’era al paneton vansà apòsta
dai fäst da Natal che la me mama
l’aveva mis via propi par cal dì chì
par fal benedì e chì l’è che gl’aveva nò
un quai mursel da pann vansà a mesdì.

Arivan tücc in gesa cun al su pacät
ben nascundù in dun sacätt,
gh’è chi guarda curiuss al visin
par vedè cusa al g'hà da benedì,
finì la mäsa e l’urasion
cumincia la benedisiòn.

Sa senta un sfraguià di pacät,
un muviment da tuta la gent,
omm, donn, pà e mamm
e salta feura ogni ben di Dio
turt, paneton e anca una quäi micäta da pan
e nascundù magari un quäi salam,
al prett cun l’acqua santa
al pasa e al benedisa,
la gent cl'è lì tuta atenta e drisa.

Peu gh’è la benedision d’la gula,
dü candil incrusià suta la basläta,
e al pret al benedisa a vun a vun tucc
i fedei, che en in fila, davanti a la candila.

Vecc tradision da mantegnì
incheau che l’è san Bias,
tri febrarr, giuedì.


Tarantola Giancarlo Luigi
San Biagio 2012

E'una tradizione,
per S. Biagio, benedire gola e panettone
era il panettone avanzato apposta
alle feste di Natale, che mia mamma
aveva messo via per questo giorno
per farlo benedire e chi non l’aveva
un pezzo di pane avanzato a mezzodì.

Arrivano in chiesa, con un pacchetto
ben nascosto in un sacchetto
c’è chi guarda curioso il vicino
per vedere cosa ha da benedire,
finita la Messa e l’orazione
comincia la benedizione.

Si sente il rumore dei pacchetti,
il movimento di tutta la gente,
uomini, donne, papà e mamme
e salta fuori ogni ben di Dio
torte, panettoni e anche qualche panino
e nascosto magari anche un salame,
il prete con l’acqua santa
passa a benedire,
la gente che è lì, attenta e diritta.

Poi c’è la benedizione della gola,
due candele incrociate sotto il mento
il prete benedice uno ad uno
i fedeli, che sono in fila, davanti alla candela.

Vecchie tradizioni da mantenere
oggi che è S. Biagio,
tre febbraio, giovedì.


Tarantola Giancarlo Luigi

49 commenti:

  1. molto bella la poesia, complimenti!non mi era ricordata che oggi fosse San Biagio......ti auguro una buona domenica simona

    RispondiElimina
  2. Grazie Simona....per essere precisa è domani San Biagio...
    un bacione, Laura

    RispondiElimina
  3. Una tradizione a cui credo e gli altri anni andavo sempre nelle chiese dove è custodita la reliquia del santo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Primula, anche a me e alla mia famiglia piace tener fede a una parte della tradizione per quanto riguarda il panettone.

      Elimina
  4. Cara Laura, bella la poesia, che mi ricorda che oggi è San Biagio!
    Me ne oro completamente dimenticato.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro amico mio!
      Buona settimana anche a te,
      Laura

      Elimina
    2. Cara Laura, vediamo se ricaricando la foto ritorna!!!
      io lo spero, ciao.
      Tomaso

      Elimina
    3. Ok tutto a posto! spero che adesso vada a posto anche dove sei iscritto ai nostri blog.

      Buona giornata, caro Tomaso

      Elimina
  5. una bella poesia,ricca di ricordi
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si ci son tanti ricordi!

      Buona serata anche a te Lu

      Elimina
  6. MI piace leggere di questa tradizione, la poesia è davvero ben scritta. Complimenti a tuo marito e buon S. Biagio....
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina, l'hai capita anche in dialetto??
      Bacioni

      Elimina
  7. Che forte la poesia in dialetto (io sono di Milano, anche se da molti anni abito in Piemonte), soprattutto la parte del salame mi ha fatto ridere. =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero Daniela...allora l'avrai capita abbastanza .... e la storia del salame è proprio vera...vuoi mettere quanto era più buono un salame benedetto?

      Un bacione, Laura

      Elimina
  8. Complimenti per la poesia capirla in dialetto renderebbe meglio,
    queste tradizioni son sempre belle guai dimenticarle, dalle mie parti si dice che più tosto che perdere una tradizione era meglio bruciare un paese ciao buona serata

    RispondiElimina
  9. Grazie Tiziano! è vero sarebbe meglio gustarle in dialetto ma purtroppo non si può....approposito delle tradizioni quel modo di dire non lo conoscevo però dice tutto!!!

    Buonanotte, laura

    RispondiElimina
  10. Una poesia che ho potuto apprezzare anche in dialetto...complimenti a Giancarlo ed ora non ci rimane che invocare S. Biagio e colazionare. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche da parte del Gianca! per il resto già fatto...
      Buona settimana cara

      Elimina
  11. Buongiorno Laura, complimenti al marito poeta!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Grazie Mary cara!.....finito di svuotare le valigie?

    Buona settimana

    RispondiElimina
  13. Buon inizio settimana Laura.
    Bellissima la poesia di tuo marito rigorosamente letta in dialetto anche se in molte parole diverso dal mio.
    Bravissimo i mie complimenti.
    Che bei ricordi hai risvegliato.......
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so Pinuccia il mio dialetto è molto arioso un po' lontano da Milano e "l'è verament spetascià" lo so che tante parole non quadrano con quelle dei paesi limitrofi ...se pensi che addirittura anche a Milano città chi lo parlava abitualmente diceva che c'era pure differenza tra chi lo parlava a Porta Cicca (porta Ticinese) e magari a Porta Romana- è tutto un dire---mi fa iacere comunque per il ricordo, io... sembrerò di parte ma ti assicuro che le poesie del Giancarlo, ormai son tante oltre che a quelle in italiano ecc. dicevo appunto quelle dei tempi che furono, raccontano di mestieri che non ci son più, aneddoti e spaccati di di vita vissuta e ti assicuro che quando l'incontrano per strada dopo aver letto sul giornale locale (ne scrive una al mese ormai da anni) lo fermano contenti d'aver loro ricordato in maniera così fesca ed avvincente tante cose piacevolmente risvegliate...e questa è la più bella soddisfazione dice mio marito, per uno che scrive.

      Una buonissima giornata, cara

      Elimina
  14. Il panettone l'ha offerto Sofia e tu una bella poesia. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dici?...due cose son meglio che one!

      Un bacione, Laura

      Elimina
  15. Naturalmente l'ho letta tutta in dialetto, anche se non in modo scorrevole, il rammarico di questa tradizione è che ormai almeno qui nel mio paese il parroco lamenta sempre più spesso il fastidio dello "sfraguià di pacät" e le donne piano piano si sono sempre più limitate a tengono in tasca solo qualche caramella e io è ormai anni che non mangio più il panettone di S. Biagio, ma il ricordo è ancora vivo e la poesia di tuo marito l'ha riportato a galla, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariateresa piuttosto che niente van bene anche le caramelle pur di tener viva la tradizione!
      per il resto vorrei anche risponderti con altre parole che son quelle che ho scritto appena su a Pinuccia...

      Grazie da parte del Gianca, un bacione, Laura

      Elimina
  16. Hello and I wish you a good Week.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara amica mia!

      Buona settimana,
      Laura

      Elimina
  17. Letta in dialetto!!! Davvero divertente sentirmi parlare così!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. Grazie cara sei stata carina!
    Bacioni

    RispondiElimina
  19. che bella questa poesia, grazie per averla condivisa con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie son contenta ti sia piaciuta!
      Buona serata, Laura

      Elimina
  20. Risposte
    1. Grazie Roby anche da parte sua!
      Bacioni, Laura

      Elimina
  21. svuotate si, ma non finito tutto, c'è da riordinare ora!!!
    Un grosso abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh immagino....vengo a darti una mano???
      Buona continuazione Mary e tanti baci...

      Elimina
  22. Io l'ho letta in italiano, in Milanese avrei forse rischiato di non afferrare bene il concetto...
    E' una bellissima tradizione, peccato che certe cose rischino di perdersi o di ridursi a semplici usanze. Certe cose andrebbero riscoperte per il valore che hanno o che hanno avuto. Bella!!!
    Baci
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Mary anche secondo me andrebbero riscoperte e ce ne sono davvero tante...nelle tante poesie di mio marito vengono descritte con dovizia di particolari in maniera veramente avvincente!

      Un bacione, cara

      Elimina
  23. Bravissimo! I dialetti vanno ricordati e rispettati, fanno parte della nostra culture e se poi incontrano la poesia, è il massimo!

    RispondiElimina
  24. ciao!! complimenti per questo stupendo blog!!=)
    molto piacere di conoscerti!!=)
    sono valentina del blog omini pasticcini=D
    mi sono unita ai tuoi lettori fissi!
    mi piace moltissimo il tuo blog!!
    se ti va passami a trovare e se ti piace magari ricambia! così non ci perdiamo di vista!!=)
    a presto buona serata vale

    RispondiElimina
  25. Buona giornata ed un abbraccio Laura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona giornata anche te cara Mary!........oggi creiamo?
      bacioni, Laura

      Elimina
  26. Grazie Valentina son contenta che ti piaccia il mio blog! passerò senz'altro anche io da te.

    Un caro saluto, Laura

    RispondiElimina
  27. SPLENDIDE ENTRAMBE LE VERSIONI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anto son contenta ti siano piaciute!

      Elimina
  28. E' bellissima!!! Un abbraccio. Antonella.
    http://myshabbydreams-antonella.blogspot.it/

    RispondiElimina
  29. Anche a te una serenissima giornata Mary!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti, sono molto graditi, risponderò volentieri a tutti!
I commenti anonimi non firmati saranno eliminati. PLEASE, NO SPAM!